Tutti gli articoli di Giuliano Arnaldi

Onzo Tribaleglobale: nascono i laboratori sonori…

Per ora sono tre..
1) UNA TIRA L’ALTRA...Nando Rizzo, con i Musici a zOnzo cambia ( la ) musica
Una serie di concerti tra luglio e settembre presso la Locanda Tribaleglobale di Onzo, durante i quali il poliedrico musicista alassino eseguirà canzoni richieste dal pubblico prima nella versione originale, poi “traducendole” in altri generi musicali ..jazz, pop, blues, classico..i diversi passaggi di genere musicali saranno segnati da effetti visivi e accompagnati da cibi e bevande diversi nel tentativo di proporre una esperienza sinestetica.
2) IL CAVALLO DELLO SCIAMANO. In realtà saranno 2 workshop, entrambi organizzati su una collezione di Tamburi prevalentemente siberiani. Alcuni saranno oggetto di intervento “scritto” , ovvero saranno dipinti, altri solo suonati. Attorno mostre, conferenze e concerti…
3) RISUONARE LE ORIGINI. Partendo da una Dulcimer,
( https://it.wikipedia.org/wiki/Dulcimer ) stiamo organizzando una sezione del MAP, il nostro museo di arti primarie, completamente dedicata a strumenti musicali di tradizione popolare e provenienti da tutto il mondo.L’obiettivo non è solo esporli, ma anche suonarli…

trovate un approfondimento qui

https://issuu.com/home/published/il_tamburo_sciamnico_come_mappa_cog

TUTTI A ONZO, TRA LUGLIO E SETTEMBRE …seguite gli aggiornamenti su https://www.facebook.com/groups/2346401032346401/

For now, they are three. 1) ONE PIPE THE OTHER. Nando Rizzo changes (the) music A series of concerts between July and September at the Locanda Tribaleglobale  in Onzo, during which the multifaceted Alassio musician will perform songs requested by the public first in the original version, then "translating" them into other musical genres ..jazz, pop, blues, classic .. the different passages of musical genre will be marked by visual effects and accompanied by different foods and drinks in an attempt to propose a synaesthetic experience.
2) THE HORSE OF THE SHAMAN. In reality there will be 2 workshops, both organized on a collection of mainly Siberian drums. Some will be the subject of a "written" intervention, that is, they will be painted, others only played. Around exhibitions, conferences and concerts ... 
3) RINGING THE ORIGINS. Starting from a Dulcimer, (https://it.wikipedia.org/wiki/Dulcimer) we are organizing a section of the MAP, our museum of primary arts, completely dedicated to musical instruments of popular tradition from all over the world. 'goal is not only to expose them, but also to play them ... 
more info here
https://issuu.com/home/published/il_tamburo_sciamnico_come_mappa_cog
in ONZO, BETWEEN JULY AND SEPTEMBER ... follow the updates on https://www.facebook.com/groups/2346401032346401/

https://issuu.com/home/published/il_tamburo_sciamnico_come_mappa_cog

https://www.facebook.com/groups/2346401032346401/


prise of suffering/ elogio della sofferenza

edf

INTRODUCTION

To bring order to the creative chaos of our collection of works of art Tribaleglobale, we aggregate works around an idea, a title that evokes the profound message of the whole of the works themselves. for convenience of thought we call Format these sets of works.

We therefore use works of art as alphabetic elements for a metaphorical narrative: we think of images, we communicate through images even if we often don’t realize them .. when we talk about “sunny character”, “black mood”, “sharp person” we evoke elements natural, colors, geometric shapes to express ourselves and be understood, and we entrust to images the effectiveness of the message we intend to evoke and convey. This is why art is so important in our lives: it is the most adequate human system to investigate the Mystery and try to govern it.

PREMESSA

Per mettere ordine nel caos creativo della nostra Collezione di opere d’arte Tribaleglobale, aggreghiamo opere attorno ad una idea, un titolo che evochi  il messaggio profondo dell’insieme delle opere stesse. per comodità di pensiero chiamiamo Format questi insiemi di opere.

Usiamo quindi le opere d’arte come elementi alfabetici per una narrazione metaforica: pensiamo immagini, comunichiamo attraverso immagini anche se spesso non ce ne rendiamo conto..quando parliamo di “carattere solare”, “umore nero”, “persona spigolosa” evochiamo elementi naturali, colori, forme geometriche per esprimerci ed essere compresi, e  affidiamo  alle  immagini l’efficacia del messaggio che intendiamo evocare e trasmettere. Ecco perché l’arte è così importante nella nostra vita: è il sistema umano più adeguato a indagare il Mistero e cercare di governarlo. 

Praise of suffering, Easter 2019

We could say “torment and ecstasy”, thinking of Michelangelo’s life: like it or not, it is in the elaboration of suffering that we grow.

In order to grow, I intend to equip oneself with the ability to be resilient, or to turn problems into opportunities. Measuring oneself with difficulties and not being crushed allows one to appreciate what is positive, and I think we can say that pleasure is based on the experience of sorrow, as the gift of well-being is always considered out of human possibility and dependent on chance or by a supernatural intervention. The presence of magical thought in human experience is a consolidated indicator.The same cycle of the experience of living, or birth and death, defines terms that are antithetical if they are not processed in the dimension of the sacred: this is why we have chosen the written words of Maria Stuarda associated with the reversed but identical ones of Thomas Eliot: In my end it is my principle and vice versa: the words painted and sculpted (thinking of sculpture and painting as archetypal forms of language) are those of a seventeenth-century Ecce Homo, a ritual sculpture of the Kongo people and a bronze by Rainer Kriester.

Both the written and painted and sculpted words break through the metaphorical form. An illustrious neuroscientist, Vilayanur Ramachandran, connects synaesthesia (literally I perceive together) and metaphors: the latter, says Ramachandran, “strike like lightning revealing the truth in a deeper and more direct way than a trivial and literal statement”.Here, then, that the cross of thorns, the look of our Ecce Homo, the nails and the posture of the Nkissi sculptures like Kriester’s bronze with a flash make us see the invisible. Here is an apparent tongue-twister assuming the hieratic force of an opportunity for hope, witnessed in the dimension of history by an unfortunate victim of male-dominated violence and brilliantly revived by a protagonist of twentieth-century literature.In experiencing, archetypal figures recur, and certainly the ancestors are one of the strongest and most common: in every time and in every place they are bridges, borders, thresholds between life and death, visible and invisible, a measure to measure the immensurable. They are something more than mere recollection: they are the very embodiment of life, being the only visible representation we can make of it. We see a life grow in the womb of a woman, we know that it was born of an act that implies a man: that life is our life, that woman and that man are the only physical contact we have with the Mystery, with life and therefore with what will happen next.

The Ligurian poet Fabrizio De Andre ‘used to say that “nothing is born of diamonds, flowers are born from manure. Here is the beginning to investigate the relationship between beauty and suffering, through the mediation of mystical traditions, which are particularly feminine. and all in all not even inconvenient to reason about the sensuality of suffering and the “physicality” of ecstasy, hence our interest in reasoning about the iconography of the Saints and Martyrs, in the Name of the Mother and with Maddalena’s subversive pathos. 

Elogio della sofferenza, Pasqua 21019, Onzo Rainer Kriester.

Elogio della sofferenza, Pasqua 2019 

Potremmo dire ” il tormento e l’estasi ” , pensando alla vita di Michelangelo : piaccia o no, è nella elaborazione della sofferenza che si cresce Per crescere intendo dotarsi della capacità di essere resiliente , ovvero di trasformare i problemi in opportunità. Misurarsi con le difficoltà e non esserne schiacciati consente di apprezzare ciò che di positivo ci accade e penso si possa dire che il piacere sia fondato sull’esperienza del dispiacere, come il dono del benessere e’ sempre considerato fuori dalla possibilità umana e dipendente dal caso o da un intervento soprannaturale. La presenza del pensiero magico nella esperienza umana ne e’ indicatore consolidato. Lo stesso ciclo dell’esperienza di vivere, ovvero la nascita e la morte, definisce termini che sono antitetici se non vengono elaborati nella dimensione del sacro: ecco perché abbiamo scelto le parole scritte di Maria Stuarda associate a quelle rovesciate ma identiche di Thomas Eliot : Nella mia fine è il mio principio e viceversa : le parole dipinte e scolpite ( pensando a scultura e pittura  come a forme archetipiche del linguaggio ) sono quelle di un Ecce Homo seicentesco,  di una scultura rituale del popolo Kongo e di un bronzo di Rainer Kriester Sia le parole scritte che quelle dipinte e scolpite irrompono grazie alla forma metaforica.
Un illustre neuroscienziato, Vilayanur Ramachandran, mette in connessione sinestesia ( letteralmente percepisco assieme) e metafore : queste ultime , dice Ramachandran ” colpiscono come un fulmine rivelando la verità in modo più profondo e diretto di un’affermazione banale e letterale ” Ecco quindi che la croce di spine,  lo sguardo del nostro Ecce Homo, i chiodi e la postura delle sculture Nkissi come del bronzo di Kriester  con un lampo ci fanno vedere l’invisibile. Ecco che un apparente scioglilingua assume la forza ieratica di una opportunità di speranza, testimoniata nella dimensione della storia da una sfortunata vittima della violenza maschilista e ravvivata in modo geniale da un protagonista della letteratura del novecento. 

Nell’esperire ricorrono figure archetipiche, e certamente gli antenati sono una delle più forti e comuni: in ogni tempo e in ogni luogo sono ponte, confine, soglia tra vita e morte, visibile e invisibile, una misura per misurare l’immensurabile.
Essi sono qualcosa di più del semplice ricordo: sono l’incarnazione stessa della vita, essendo l’unica rappresentazione visibile che possiamo fare di essa. Vediamo crescere una vita nel grembo di una donna, sappiamo che essa è nata da un atto che implica un uomo: quella vita e’ la nostra vita, quella donna e quell’uomo sono l’unico contatto fisico che abbiamo con il Mistero, con la vita e quindi con quello che avverrà dopo.Il poeta ligure Fabrizio De Andre’ diceva che ” dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori. Ecco l’incipit per indagare la relazione tra bellezza e sofferenza, attraverso la mediazione delle tradizioni mistiche, particolarmente femminili. Non penso sia blasfemo, e tutto sommato nemmeno sconveniente ragionare sulla sensualità della sofferenza e sulla “fisicità” dell’estasi. Da qui il nostro interesse a ragionare sulla  iconografia delle Sante e delle Martiri, nel Nome della Madre e con il pathos sovversivo di Maddalena. 

Giuliano Arnaldi , Onzo 2015/19


In movimento! / Go!

https://www.trailforks.com/region/onzo-23908/ 

Per conoscere e riconoscere un territorio suggestivo, tra arte, natura ed enogastronomia stiamo creando una serie di percorsi da riscoprire , a piedi o in bici. Il nostro biker Claudio Olivieri ha iniziato a mappare alcuni tra i più suggestivi tracciati praticabili attorno a Onzo. Si può partire dalla Locanda e….

E’ possibile prenotare escursioni assistite: per due persone il costo è 30 euro per mezza giornata, per gruppi il costo è personalizzato . Potete chiamarci ai numeri +393341341539 o 3296903698. E’ possibile noleggiare ebike.

To know and recognize an evocative territory, between art, nature, food and wine we are creating a series of routes to rediscover, on foot or by bike. Our biker Claudio Olivieri has started to map some of the most suggestive tracks practicable around Onzo. You can start from the Locanda and ….

It is possible to book assisted excursions: for two people the cost is 30 euros for half a day, for groups the cost is personalized. You can call us at the numbers +393341341539 or 3296903698. It is possible to rent ebike.


ed ora a tavola../ and now at the table..

Tribaleglobale è ora anche enogastronomia! Partendo dai prodotti della nostra terra sono già disponibili alla Locanda di Onzo queste degustazioni.

Torta verde e dintorni….

torta verde di bietole

torta verde di carciofi

torta di zucca e riso

verdure di stagione grigliate e ripiene

un calice di Pigato Tribaleglobale…

sempre…il nostro minestrone fritto!

su prenotazione chiamando il 3341341539 almeno 24 h prima.

Minimo 4 persone .  

15 euro a persona

Cosa mangia il pastore?

Olive di Onzo e formaggetta

salumi

altri formaggi

un calice di Ormeasco Tribaleglobale…

sempre …il nostro minestrone fritto!

su prenotazione, chiamando il 3341341539 almeno 24 h prima.  Minimo 4 persone  , 15 euro a persona

Tribaleglobale is now also food and wine! Starting from the products of our land, these tastings are already available at Locanda di Onzo.

Green cake and surroundings .

green chard cake

green artichoke cake

pumpkin pie and rice

season vegetables grilled and stuffed

a cup of …….

always … our fried minestrone!

by reservation, minimum 4 people. 15 euros per person

What does the shepherd eat?

Onzo olives and cheese

cured meat

other cheeses

a cup of ……….

always … our fried minestrone!

by reservation, minimum 4 people 15 euros per person


Gianni Frassati versus Adan, Laigueglia, 26 marzo / 26 Aprile 19, Microspazio Tribaleglobale Archetipi

#dialoghitribaliglobali

“ La fantasia di chi guarda un quadro deve essere svegliata dai valori tattili dell’opera in tal maniera che sia possibile trovarvi un’emozione soggettiva puramente sensuale avulsa da sentimentalismo.

Per conseguenza un quadro non deve “raccontarsi”, non deve avere un soggetto ben definito ma solamente creare un ambiente favorevole alla espansione delle capacità fantastiche che sono in ogni uomo.

Per questo bisogna creare un insieme che sia della massima immediatezza visuale e sensibile.

Così ogni dettaglio inutile deve essere eliminato.

L’oggetto o l’architettura devono possedere una evidenza propria esente da ogni rapporto immediato con la realtà. Una plasticità sensuale capace di risvegliare i sogni e i ricordi sopiti in ogni individuo.

La Rappresentazione deve essere priva di ogni sentimento evidente. Ogni elemento deve raggiungere un massimo di tattilità  e contribuire con la sua presenza alla creazione di uno spazio che sia la qualità maggiore della composizione.

Poiché è appunto la creazione di questo spazio che non è solo dato dalla evidenza prospettica, ma da una sensazione più spirituale, indefinibile, l’obiettivo a cui deve mirare l’artista.”

Gianni FRASSATI , 26 marzo 1924 Monza

dalla presentazione della Mostra Personale presso la Galleria La Cruna, Novara – giugno 1960

Le due opere esposte a Laigueglia e Onzo – Composizione Astrale, 1969 , olio su tela cm 92 x 72 e Paesaggio Metafisico, 1957 olio su tela cm 70 x 50- provengono dalla Collezione Nobile di Novara.

The imagination of those who look at a painting must be awakened by the tactile values ​​of the work in such a way that it is possible to find a purely sensual subjective emotion detached from sentimentality.

Consequently, a painting must not “tell” itself, it must not have a well-defined subject but only create an environment favorable to the expansion of the fantastic abilities that are in every man.

For this we must create a whole that is of the maximum visual and sensitive immediacy.

Thus every useless detail must be eliminated.

The object or architecture must possess its own evidence free from any immediate relationship with reality. A sensual plasticity capable of awakening dreams and memories dormant in each individual.

The Representation must be devoid of any evident feeling. Each element must reach a maximum of tactility and contribute with its presence to the creation of a space that is the highest quality of the composition.

For it is precisely the creation of this space which is not only given by perspective evidence, but by a more spiritual, indefinable sensation, the objective to which the artist must aim. “

Gianni FRASSATI, March 26, 1924 Monza

from the presentation of the Personal Exhibition at the Galleria La Cruna, Novara – June 1960

Le figure rituali del popolo Adan, Ghana / Togo. si possono definire “spiriti della foresta” propiziatori della caccia. La forma stessa, articolata su una sola gamba, sembra essere riferita all’albero. Provengono dalla collezione permanente Tribaleglobale

The ritual figures of the Adan people, Ghana / Togo can be defined as “forest spirits” propitiators of hunting. The shape itself, articulated on one leg, seems to refer to the tree. They come from the permanent Tribaleglobale collectio